IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 MESCALERO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 23 ... 40  Seguente
AutoreMessaggio
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 03, 2015 6:04 pm

Admin ha scritto:
il totem misterioso ha scritto:


presumo che il libro bomba dell'Admin desterà in ogni caso delle accese polemiche  Twisted Evil

vedere tutte quelle copiature di Galep puo' un pochino travisare la realtà: bisogna però leggere anche tutta la ricostruzione dell'intera vicenda, prima di trarre conclusioni affrettate. Purtroppo con le sole immagini sarà molto difficile farsi un'idea di ciò che accadde in quei tempi eroici, ma scommetto che ci sarà qualcuno che riuscirà a trarre conclusioni senza aver letto la ricostruzione dei fatti... in fondo c'è ancora chi oggi attribuisce i disegni della Banda del Campesino a Galleppini e non a Uggeri  ... che ci vuoi fare Rolling Eyes

Se volevamo il pane fresco tutti i giorni, quella era l'unica cosa da fare Cool e tutto sommato lo scenario che si è aperto sull'epoca dell'Audace/Bonelli personalmente lo trovo addirittura più affascinante di quello che noi da ragazzini abbiamo sempre immaginato.
è ovvio che anche a noi ( Mauro Scremin e me) ha fatto strabuzzare gli occhi vedere Galep copiare da John Buscema, Bignotti da Burne Hogarth e D'Amy da Joe Kubert, tanto per citare gli attori di alcuni swipes, ma sempre di questione di "pane fresco" si è trattato!
A Giovanni Ticci e gli abbiamo fatto vedere una delle tante copiature... anche lui è rimasto sorpreso ma giustamente non si è scomposto più di tanto. Tra l'altro, la copertina di "Un Piano Ardito" (Tex n. 20) proviene da una sua matita... e forse anche un'altra che adesso non ricordo.
Insomma un'affascinante storia da leggere (per quanto io sia uno scrittore modesto) e non da vedere.

Questa, ad esempio, che avrai riconosciuto come la fonte originale di "Sulle Piste del Nord", assieme al poster, ha dietro una storia particolare che noi raccontiamo. Guardala, e capirai perchè Galleppini fece il poster allegato alla pubblicazione, con quella strana tecnica.

Porca puttana, ora capisco Wink
con tutta volontà che ci ho messo devo dirti che un bel colpo apoplettico mi è perso lo stesso........non mi aspettavo una copiatura tanto corposa, praticamente ci sono tutte le copertine Neutral
Grazie Francesco e grazie Scremin per la settimana di lettura assolutamente affascinante!!!!!!! un'autostrada di novità che mai ci saremmo aspettati
Tornare in alto Andare in basso
The Colour
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 329
Data d'iscrizione : 15.05.11
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Giu 04, 2015 3:12 pm

PRESENTAZIONE DEL LIBRO SULLA PAGINA UFFICIALE FACEBOOK DELLA SERGIO BONELLI EDITORE.

https://www.facebook.com/TexSergioBonelliEditore?fref=ts

un premio più che meritato cheers

Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Giu 09, 2015 11:53 am

The Colour ha scritto:
PRESENTAZIONE DEL LIBRO SULLA PAGINA UFFICIALE FACEBOOK DELLA SERGIO BONELLI EDITORE.

https://www.facebook.com/TexSergioBonelliEditore?fref=ts

un premio più che meritato  cheers

grazie Giorgio Wink , certo devo ancora capire che gli prende a certa gente per mettersi a commentare il Magazine della SBE o il prezzo di una collezione di Tex in un post dedicato ad un libro sullo swiping. Mah...
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Giu 09, 2015 12:29 pm

ho letto poco fa Nodo Scorsoio (un titolo poco adatto alla prima parte di questa storia), e devo dire che, nonostante l'eccessiva diluizione nella fase di sceneggiatura, ho trovato l'albo gradevole.
Parto dai disegni di Rossano Rossi, che a me non dispiace, il quale sembra essersi spostato definitivamente sul modello Civitelli (più aspro rispetto al suo maestro) ma che è ottimo nell'equilibrio grafico della tavola e gradevole da leggersi. Mi piace il suo semplice modo di disegnare Tex, senza tante esasperazioni e "ingrugnimenti" vari : Tex e Carson hanno sempre un po' di sorriso stampato sulla faccia e i personaggi di contorno sono niente affatto eccessivi, riconoscibilissimi dalla prima all'ultima pagina e non vestiti a festa come troppo spesso accade.

La storia, come dicevo, a me sembra davvero troppo diluita, ma non è affatto male: il cliché è ampiamente bonelliano (se vogliamo anche nizziano) e ricorda un pochino la coppia Tex/Carson presente in alcune vecchie storie targate GLB. I dialoghi sono apprezzabili e non trovano intoppi lungo il corso della lettura... magari da Faraci ci si aspetterebbe qualcosa di molto più incisivo ma per un racconto del genere (no pathos, nemmeno epica)) va bene anche questo tipo di approccio.
La dimensione di Faraci è questa... non credo di aspettarmi in futuro avventure su battaglie campali tra indiani e bianchi e nemmeno triple esotiche.

Ah,il negro non la racconta giusta (e speriamo) anche se il racconto sembra voglia mantenere fino in fondo il suo "telefonatismo".
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 10, 2015 8:43 am

una lettura deve durare dai 30 minuti ai tre quarti d'ora non 10-15 minuti. Aspettiamo un mese per stare sull'albo 10 minuti????
Storia passabile e ben disegnata ma anch'io l'ho trovata parecchio allungata nel brodo, come si evince dalla doma del cavallo e dalla scazzottata nel bar...........
Tornare in alto Andare in basso
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 10, 2015 8:43 am

opsss correggo,mi è scappato un doppio post
Tornare in alto Andare in basso
azteco70
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 443
Data d'iscrizione : 20.05.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Dom Giu 14, 2015 10:52 am

io tuttosommato la ritengo una storia di svolta per Faraci perché è confezionata in maniera decisamente diversa dalle sue precedenti .
C'è sempre il personaggio incompreso sul quale gira la trama tuttavia ci troviamo sino a questo momento di fronte ad un buon prodotto di massa.....quello che molti vogliono leggere in assoluta leggerezza durante la calda stagione estiva Very Happy

non siamo di fronte ad un racconto innovativo capiamoci, ma neanche davanti ad un raccontino alla lancio story come qualcuno vuole far intendere. Presumo che alla fine si tratterà di una disimpegnata ma gradevolissima storia texiana, sempre che <Faraci non intenda incasinarla nel suo proseguo.
i disegni mi piacciono anche perché adattissimi al contesto narrativo.
Tornare in alto Andare in basso
Pallino
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 410
Data d'iscrizione : 21.06.13
Età : 51
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Dom Giu 14, 2015 5:45 pm

Ragazzi so leggendo or ora il numero di Giugno di Tex e al momento devo dire che mi sta appassionando...una storia dal taglio classico che non mi dispiace affatto...I disegni di Rossano Rossi son puliti e ben calibrati e la sceneggiatura al momento mi restituisce un Faraci più maturo sulle tematiche del personaggio.....speriamo che continua su questa onda......

Anche se in ritardo complimenti per la menzione del libro sulla pagina dlla Sergio Bonelli admin.....come me lo posso procurare...appena avrò la possibilità??
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Giu 15, 2015 8:04 pm

Pallino ha scritto:


Anche se in ritardo complimenti per la menzione del libro sulla pagina dlla Sergio Bonelli admin.....come me lo posso procurare...appena avrò la possibilità??

e io ringrazio ancora M. Boselli per la pubblicità data al volume nella pagina della SBE.
Ho ricevuto in privato una caterva di richieste, anche da illustrissimi e storici uomini di fumetto Smile , e la cosa mi ha fatto enormemente piacere. Qualcuno mi ha addirittura scritto che l'opera è da premiare in qualche apposito contesto fumettistico Shocked .
La domanda più frequente è stata ed è: ma come avete fatto, come siete riusciti a fare una cosa del genere?
Boh, forse perché, come spesso ci diciamo io e Mauro, ci stavamo annoiando
Uno ci ha chiesto di Angelo Corrias e i suoi disegni su Tex; beh qualche informazione l'ho ottenuta da Cagliari avendo casualmente come amico uno che conosce il figlio di Angelo Tatano Corrias.
Un'altro voleva sapere delle famose valigie piene di fumetti americani che Sergio Bonelli portava dall'America (tra l'altro una fonte ben informata ci dice che era il vecchio GL a spedire il figlio negli States Suspect, beh, insomma... )
E ancora come veniva montata una sceneggiatura di Tex e la consequente grafica...
del perché Alberto Giolitti si arrabbiò anche con qualche collega italiano, dopo aver denunciato Al Williamson per plagio del suo King Kong: Giolitti in America era una eminenza e li fu premiato come miglior realizzatore di fumetto, attorno al 1962, quando alle matite aveva il giovane Ticci. E pensare che qualche Illustrismo disegnatore nostrano si è permesso di dire che Giolitti non sapeva disegnare ma solo copiar dalle foto Razz
Ad ogni domanda corrisponde quasi sempre un aneddoto.
Pallino, quando sarà pronta una ristampa, per te che sei uno del popolo appassionato, vedrò di fartela avere in fretta... con un po' di presunzione posso dirti che un volume del genere non puo' mancare tra le tue letture (e al diavolo quelle sofisticate che ti consigliano).
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Giu 15, 2015 8:10 pm

intanto la ricerca prosegue...

Ecco una vignetta del 1959 che il prode Mauro mi ha mandato proprio ieri assieme a numerose altre

Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Giu 16, 2015 9:32 am

Se aspettavate ancora un po avremmo avuto un librone da 1000 pagine???

una curiosità anche da parte mia: ma quando Giolitti è stato assunto in Tex che si sono detti con Galep?
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Giu 16, 2015 3:00 pm

non credo si siano mai incontrati, però come estratto dalla video intervista che feci a Galep nel 1993 e che ho messo sul libro, alla domanda su quali disegnatori preferisse, lui rispose "Ticci, che è bravissimo... e quell'altro che è morto da poco" (Giolitti ndr).
Giolitti gli piaceva moltissimo e non so neanche se agli inizi delle copiature sapesse chi fosse il disegnatore che lo "ispirava". Forse si, ma il materiale americano gli fu sottoposto da Sergio.

Credo che, ad un certo punto, a Galep la copiatura cominciò a pesare e non è un mistero che la sua firma sparisse dalle strisce, Albo d'Oro e 1-29 a partire dal 1954 (escluso un trittico di strisce del 1965): qualcosa di clamoroso accadde... secondo me legato a questioni di responsabilità legali.

Giolitti ad ogni modo, qualche arrabbiatura se la prese, come mi informato vecchi volponi dell'epoca.
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 17, 2015 8:59 am

Admin ha scritto:
non credo si siano mai incontrati, però come estratto dalla video intervista che feci a Galep nel 1993 e che ho messo sul libro, alla domanda su quali disegnatori preferisse, lui rispose "Ticci, che è bravissimo... e quell'altro che è morto da poco" (Giolitti ndr).
Giolitti gli piaceva moltissimo e non so neanche se agli inizi delle copiature sapesse chi fosse il disegnatore che lo "ispirava". Forse si, ma il materiale americano gli fu sottoposto da Sergio.

Credo che, ad un certo punto, a Galep la copiatura cominciò a pesare e non è un mistero che la sua firma sparisse dalle strisce, Albo d'Oro e 1-29 a partire dal 1954 (escluso un trittico di strisce del 1965): qualcosa di clamoroso accadde... secondo me legato a questioni di responsabilità legali.

Giolitti ad ogni modo, qualche arrabbiatura se la prese, come mi informato vecchi volponi dell'epoca.

Ho letto la tua teoria, a mio avviso del tutto percorribile, sulla scomparsa della firma di Galep, con un bel pizzicotto di curiosità.
Grazie a questa perlomeno si giunge a conclusioni condivisibili.

Interessante anche l'argomento sceneggiature con i ritagli di vignette....... in sostanza un lavoro a dieci mani Shocked
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 17, 2015 1:07 pm

... e infatti, Galep amava firmare i suoi lavori ed è strano che per tutti quegli anni la sua firma sia sparita.

le sceneggiature spedite al disegnatore con tanto di ritagli già belli che montati è una ipotesi quasi obbligatoria da seguire. Conosco disegnatori che ancor oggi disegnano le loro tavole cercando fonti e posso garantirti che, anche se si tratta di copiature, la ricerca porta via più tempo che fare a memoria.
Letteri, disegnatore di maniera, era prolifico anche per questo: non copiava (o quasi)
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Giu 18, 2015 3:52 pm

chi vi ricorda?
Lui è Giovanni Romanini.
Naturalmente disegno ispirato alla cover di Tex "Avventura nello Utah" -1/29-, peraltro copiato da Galleppini da Everett Raymond Kinstler, a sua volta ispiratosi a Richard G. Harris e che anche Maurizio Dotti ha portato ne "El Supremo".
Come a dire che "Western all'italiana" non è servito a nulla, visto che probabilmente su FB la mia osservazione passerà inosservata.
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
GIANBART
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 423
Data d'iscrizione : 04.09.11
Età : 54
Località : roma est

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Giu 18, 2015 10:15 pm

Ma come cavolo fai ???????  Avere occhio è un discorso ma tutta 'sta maestria spiazza di brutto, sto per cadere in depressione ... me faccio un cannone vah  
Tornare in alto Andare in basso
francazzi
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi
avatar

Messaggi : 138
Data d'iscrizione : 19.06.11
Località : como

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Giu 22, 2015 4:03 pm

Gallinari dell'anaf dichiara che il 6 dicembre sarà l'ultima volta che vedremo la FIERA dei Fumetti di Reggio Emilia in quanto l'ente organizzativo mi pare di avere capito è sotto cura fallimentare già da due anni. Da Reggio emilia a Parma, la prestigiosa società di calcio è fallita anche lei Crying or Very sad

una notizia buona, il TEXONE di Pasquale Ruju mi è piaciuto moltissimo. Ruju ha dimostrato ancora una volta che con TEX ci sa fare, storia coinvolgente e ben orchestrata con TeX e Carson in forma splendida.
Secondo me Ruju è il miglior successore di Nizzi alle sceneggiature del personaggio.
Buoni i disegni di ROTUNDO che perde colpi verso la fine della storia tirando via le tavole.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Giu 22, 2015 5:45 pm

GIANBART ha scritto:
Ma come cavolo fai ???????  Avere occhio è un discorso ma tutta 'sta maestria spiazza di brutto, sto per cadere in depressione ... me faccio un cannone vah  

eh, forse con un cannone va meglio ma è la stessa cosa che chiedo al nostro amico Scremin quando mi manda swipes "impossibili" che a me richiederebbero una ricerca decennale.
Amare il fumetto significa non solo conoscerne la filologia letteraria ma anche, e soprattutto, quella grafica.
io questa dote la ho anche per la musica: sai quante volte mi capita di sentire cose inedite, anche di grandi autori, che sono state ricopiate da compositori del passato? Aivoglia. Ci sarebbe da scrivere un libro anche lì, solo che rischierei di beccarmi qualche centinaio di denunce.
Parrebbe strano che dicessi che Ramazzotti ha attinto da Neil Yuong o che Lisa ha copiato da Pat Metheny.... mica del solito Fornaciari da Cocker o di Jackson da Al Bano...
Non la finiremmo più.
peraltro lo swipe del disegno moderno oggi sembra essere sparito quando invece è solo più furbo e velato.
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Giu 22, 2015 6:11 pm

francazzi ha scritto:
Gallinari dell'anaf dichiara che il 6 dicembre sarà l'ultima volta che vedremo la FIERA dei Fumetti di Reggio Emilia in quanto l'ente organizzativo mi pare di avere capito è sotto cura fallimentare già da due anni. Da Reggio emilia a Parma, la prestigiosa società di calcio è fallita anche lei Crying or Very sad

una notizia buona, il TEXONE di Pasquale Ruju mi è piaciuto moltissimo. Ruju ha dimostrato ancora una volta che con TEX ci sa fare, storia coinvolgente e ben orchestrata con TeX e Carson in forma splendida.
Secondo me Ruju è il miglior successore di Nizzi alle sceneggiature del personaggio.
Buoni i disegni di ROTUNDO che perde colpi verso la fine della storia tirando via le tavole.

ho letto la cosa di Gallinari e speriamo che si trovi una soluzione al più presto.
Del Parma di Donadoni mi spiace moltissimo, lui e la sua squadra hanno dimostrato grande dignità

TEXONE
anche secondo me Ruju ha fatto una bella storia, anzi forse una grande storia se non vi fossero dei punti deboli nella struttura narrativa... come lo scontro col meticcio a mio avviso poco consistente, il ragazzo incompreso o l'eccessiva presenza di figure femminili che via via tolgono peso l'una all'altra.
Il gigantesco colonnello, che mi da l'impressione di ricalcare inizialmente la figura di Orson Welles, troneggia tra le altre scartine del racconto.
Linguaggio praticamente perfetto, quello di Ruju.
Se riuscisse a fermare un po' più il tempo in alcuni specifici momenti, sarebbe il massimo.
Su Rotundo, ho visto anch'io che nella parte finale ha perso colpi e le sue tavole sono diventate un po' confusionarie. Quello che non ho percepito è il terzo livello della vignetta: da pagina 185 in poi in alcune pagine emergono solo le figure dei personaggi spesso su sfondi inconsistenti o appena abbozzati.
Meglio per quel che riguarda gli interni
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Giu 23, 2015 8:59 am

Texone di alto livello, senza dubbio. E questo soprattutto per la storia di Pasquale Ruju che dimostra di essere un autentico campione su Tex.
Ritorna il Tex prepotente, fuoriclasse del pestaggio e dalla pistola facile........ i veri codici che contraddistinguono il personaggio sotto la cura GLBonelli.

La piacevolezza della storia è comunque nel suo complesso generale anche se l'epilogo non è all'altezza della meravigliosa partenza.
Il soggetto è originale e le caratterizzazioni dei molteplici personaggi tengono botta senza mai scadere nel superfluo......... il colonnello è un antagonista di valore ma anche il giudice fa la sua sporca figura.

Degni i disegni, ma attendiamo Rotundo ad una prova più convincente.
Tornare in alto Andare in basso
il giudice colt
sempre in malafede
sempre in malafede


Messaggi : 166
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : miami

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 24, 2015 3:28 pm

ragazzi, i disegni del Texone sono inguardabili. Il lettore ama il personaggio riconoscibile e qua non mi pare il caso: approccio approssimativo di Rotundo secondo la mia idea.

Discorso a parte va fatto per Rujiu che ha creato un'ottima storia in più vicende concatenate tra loro ma serrate a meraviglia, bravo.
Tornare in alto Andare in basso
GIANBART
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 423
Data d'iscrizione : 04.09.11
Età : 54
Località : roma est

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Giu 24, 2015 10:34 pm

Bel Texone, bella storia e disegni buoni anche se migliorabili. Due cose sopra tutto: letto tutto d'un fiato piacevolmente coinvolto dalla trama, cosa che non mi succede spesso negli ultimi anni, perciò un plauso all'autore che è riuscito a ridarci un Tex all'altezza della leggenda; finalmente cattivi all'altezza della feccia umana, niente drammi psicologici, infanzie devastanti o altri orpelli deprimenti che possano giustificare la cattiveria del personaggio, solo canaglie con un bel metro di pelo sullo stomaco che pensano al potere o al danaro, oohhh !!!
Tornare in alto Andare in basso
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Ven Giu 26, 2015 12:05 am

risalire alle origini di Tex per capire il Tex di oggi? E' una bella chiave di lettura. La consiglio a Faraci.

Per quanto riguarda il discorso dei plagi iniziato da Admin io non ho la competenza musicale come lui per parlarne... però in merito alla canzone che Michael Jackson avrebbe copiato ad Al Bano una cosa la voglio dire. E lo spiego in breve.

Nel 1997 il cantante pugliese "nota" che I cigni di Balaka somiglia in maniera evidente a Will You be There di Michael
Michael Jackson viene condannato a risarcire Al Bano con quattro milioni di lire per le spese processuali
Al Bano chiede invece un indennizzo di cinque miliardi (forse doveva ristrutturare i vigneti del suo casolare va a capì)
Alla fine il giudice salomonicamente spiega che ENTRAMBI i cantanti si erano ISPIRATI al brano Bless you for being or an angel degli Ink Spots, un gruppo jazz degli anni trenta che, a sua volta, si era ispirato a una canzone degli indiani d'America (tanto per gradì)

Ora Michael Jackson che copia Al Bano è come pensare che Kubrick s'ispirava vedendo i film di Alvaro Vitali (che poi io adoro Alvaro). Il punto è che Al Bano non ha mai detto di essersi a sua volta ispirato a quel vecchio brano gospel ma non gli è parso vero di mandare in tribunale uno famoso come il Re del Pop. Poteva starsene zitto? Poteva. Non l'ha fatto? Non l'ha fatto. Il punto è questo. E poi lasciatemi concludere dicendo che la canzone di Michael è un vero capolavoro (vabbeh io so di parte), un inno quasi religioso (per chi ci crede) con degli arrangiamenti musicali secondo me da brividi e un testo ispiratissimo, mentre quella di Al Bano è un pezzo pop come tanti. Per dire quanto sia difficile stabilire il confine tra plagio, emulazione, copia e ispirazione...

Tutto questo non c'entra nulla con Tex, lo so, o forse no...
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1862
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Sab Giu 27, 2015 9:52 am

guarda, più che essere esperti credo che conti di più avere una percezione che sviluppi poi in un "giudizio critico".
per come la vedo io Jackson copiò da Al Bano in maniera inequivocabile, poi che Al Bano mi stia qui e che Jackson sia un autore che io personalmente adoro (assieme a Quincy Jones, arrangiatore di qualche suo disco), è un altro paio di maniche.
Voglio dire che "Bless you for being or an angel" NON fu il brano ispiratore di Jackson ma forse, dico forse, per quello di Al Bano.
Dal punto di vista tecnico, poi, la composizione dei The Inks Spots gira su una struttura armonica ben diversa da quelle dei due contendenti ed ha (ri)soluzioni melodiche abbastanza diverse nella chiusura del tema, che approda in lidi completamente diversi. Lo stesso dicasi per il ritmo in andamento simil shuffle, cosa che no ha il brano dei The L.S.

Nel fumetto sono accadute cose per qualche aspetto simili...

ad esempio... esperti americani non riuscivano a capire chi fosse l'autore della matita di una vignetta che era stata poi inchiostrata da Frank Giacoia: qualcuno parlava di stile di Tizio e qualcuno di stile di Caio, nella matita. Noi quella vignetta ce la siamo ritrovata copiata da Galep su un episodio della serie Apache e inizialmente abbiamo desunto che Galep si fosse ispirato a Tizio o a Caio. In realtà dopo accurata ricerca siamo riusciti a risalire alla vera fonte di Galep: mister "Giolitti", che a sua volta aveva ispirato Tizio e Caio.
Poi c'è ancora da stabilire che Giolitti non l'abbia copiata da Foster o Raymond.
Dunque, da tutti i passaggi possibili, non è escluso che il tema de "I cigni di Balaka", di "Will You be There", di "Bless you for being or an angel" (brano mai depositato, a quanto pare) e del canto nativo americano non abbiano avuto origine da chissà quale altro strimpellatore popolare... cosa che un giudice non potrà mai stabilire.

ps d'accordo con te sui miliardi richiesti da Al Bano
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Sab Giu 27, 2015 12:05 pm

Il ragionamento è nato dal fatto che Michael avrebbe utilizzato (lui che ha comprato l'intero catalogo delle canzoni dei Beatles) un pezzo di Al Bano senza pagarne in qualche modo i diritti d'autore o altro (ripeto, ne capisco poco e mi scuso se dico castronerie). I brani si assomigliano e lo abbiamo notato tutti anche se il pezzo di Michael è proprio arte pura e invito a leggere la traduzione in italiano delle parole soprattutto nell'invocazione finale, sembra, o forse lo è, una preghiera. Ma mi chiedo: da uno che spende milioni di dollari per comprare le canzoni di Lennon e soci ti aspetti più attenzione che poi copiare il brano di un artista che non so manco come cavolo gli è arrivato a Los Angeles. I suoi produttori non hanno pensato che qualcuno poteva accorgersene? Da uno perfezionista e manicale come Jackson è strana cme cosa. Ma è una storia infinita che da quanto vedo si ripete anche nei fumetti. Chi ha ricalcato cosa chi si è fatto ispirare da chi.

A parte tutti i discorsi il sodalizio con Quincy Jones è qualcosa di irripetibile nella pop music e non solo e mi fa piacere che tu stima Michael. Io ho visto artisti metal, jazz, rock parlare bene dei loro lavori. Off the wall è davvero un album strardinario e a più di trent'anni dalla sua uscita influenza cantanti di ogni epoca. La metto sul personale: ricordo che nel mio quartiere (erano gli anni ottanta) tutti i bambini imitivano Michael Jackson. Ci sta poco da fa. Come Elvis, che ha influenzato gli anni cinquanta e sessanta. Bei tempi. Mi chiedo se artisti simili nasceranno ancora.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   

Tornare in alto Andare in basso
 
MESCALERO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 40Vai alla pagina : Precedente  1 ... 5, 6, 7 ... 23 ... 40  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il Mescalero senza volto e altre storie (Color Tex n. 10)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Riserva Indiana-
Andare verso: