IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 MESCALERO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3 ... 11, 12, 13  Seguente
AutoreMessaggio
Lehane
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi


Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 07.06.11

MessaggioTitolo: MESCALERO   Ven Nov 11, 2016 8:21 pm

Lettura intensa, non riuscivo a staccarmene Smile Boselli riesce a farci vedere un prologo inquietante e un western duro,, mescolando benissimo le due trame. Sparatoria infernale Twisted Evil I disegni di Civitelli mi sono sembrati buoni.I personaggi sono molto marcati

Piccola postilla, perché Tex e il vecchio cammello decidono di togliere le tende da mezzo le baracche della ghost town dopo che hanno fatto fuori mezza banda? presumo esigenze di sceneggiatura.

Mi preparo al numero di dicembre
Tornare in alto Andare in basso
azteco70
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 446
Data d'iscrizione : 20.05.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Nov 14, 2016 4:00 pm

No Neutral
Al momento non sono soddisfatto come voi dalla lettura del primo albo che mi ha lasciato l'impressione di un incipit preparatorio troppo allargato e modulato da tre trame ad incrocio a mio vedere fin troppo deboli.
Desideravo meno "corteggiamento" e più concretezza, che non è un dato irrisorio nell'economia di una storia di Tex.

Ho trovato i dialoghi alleggeriti rispetto a quelli consueti e a volte asfissianti di Boselli, ma nonostante ciò e nonostante un'infinita ma quella si attraente sparatoria, l'albo mi è sembrato di completo relax, un po come lo è il Tex sulla copertina.
Ma certo non posso stroncare sul nascere una storia appena iniziata: non perdo di vista il punto essenziale che è la lettura completa della stessa. Però ripeto..albo troppo diluito ed effetto suspense pari a zero.

Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Nov 15, 2016 10:44 am

Ero convinto che le tavole con gli effetti speciali di Civitelli sarebbero state perfette per una storia del genere e invece mi sono dovuto ricredere.
Mi sto riferendo alla maggior parte delle prime 38 pagine, un po' "flat" secondo me.
Ci vuole un completo disegno al tratto per ricreare certe atmosfere, quelle esorbitanti sfumature miste alle pennellate depotenziano l'epica delle scene e tolgono vigore al racconto. E non mi viene in mente "Il Figlio di Mefisto, quanto piuttosto l'inizio di "Sinistri Presagi" con quelle nuvole avvolgenti che inquietavano da sole.

Per la storia voglio commentare al terzo albo, anche se per me la grafica è sempre di assoluta importanza per un giudizio globale
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
tex85
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi


Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 06.06.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Nov 15, 2016 12:19 pm

Admin ha scritto:
Ero convinto che le tavole con gli effetti speciali di Civitelli sarebbero state perfette per una storia del genere e invece mi sono dovuto ricredere.
Mi sto riferendo alla maggior parte delle prime 38 pagine, un po' "flat" secondo me.
Ci vuole un completo disegno al tratto per ricreare certe atmosfere, quelle esorbitanti sfumature miste alle pennellate depotenziano l'epica delle scene e tolgono vigore al racconto. E non mi viene in mente "Il Figlio di Mefisto, quanto piuttosto l'inizio di "Sinistri Presagi" con quelle nuvole avvolgenti che inquietavano da sole.

Per la storia voglio commentare al terzo albo, anche se per me la grafica è sempre di assoluta importanza per un giudizio globale

volevi Font per caso
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mer Nov 16, 2016 2:09 pm

tex85 ha scritto:
Admin ha scritto:
Ero convinto che le tavole con gli effetti speciali di Civitelli sarebbero state perfette per una storia del genere e invece mi sono dovuto ricredere.
Mi sto riferendo alla maggior parte delle prime 38 pagine, un po' "flat" secondo me.
Ci vuole un completo disegno al tratto per ricreare certe atmosfere, quelle esorbitanti sfumature miste alle pennellate depotenziano l'epica delle scene e tolgono vigore al racconto. E non mi viene in mente "Il Figlio di Mefisto, quanto piuttosto l'inizio di "Sinistri Presagi" con quelle nuvole avvolgenti che inquietavano da sole.

Per la storia voglio commentare al terzo albo, anche se per me la grafica è sempre di assoluta importanza per un giudizio globale

volevi Font per caso

che fai ci metti il punto interrogativo oppure è buttata lì a casaccio?
ci volevo qualcosa in stile Charlie's Angels, qualcosa per veri maschi
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
mister-no
insinuatore
avatar

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 23.05.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 17, 2016 9:54 am

complimenti a boselli e civitelli, a cui non ho alcun appunto da fare, per questo primo albo.

scommetto che il proseguo sarà sensazionale dato che questo albo preparatorio ha molta carne al fuoco e trame intricate da risolvere. Vredemo se le profezie si avvereranno, tutto può accadere anche se finora tutto è mistero!!!!!
Forse la cosa più bella della storia sarà quella di imbattersi in qualcosa di inaspettato, la capacità di Boselli di stravolgere le aspettative del lettore sono una sua prerogativa.
Tornare in alto Andare in basso
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 17, 2016 10:34 am

Civitelli da quel che vedo ha fatto un ottimo lavoro, il punto è che Galep resta insuperabile nella sua capacità di rendere immediata la percezione del mistero e del fantastico, il lato più "dark" delle storie con Yama e Mefisto. Inimitabile per chiunque.

Piccola (non tanto piccola credo) digressione: in rete m'imbatto in chi sostiene ancora che le avventure di Zagor siano "ingenue", mi riferisco a quelle degli anni Sessanta-Settanta del mitico Nolitta. Ora io chiedo: ma quando la si finirà con questa storia? Cosa significa "ingenuo"? Meno moderno? Meno avvincente? Meno accattivante? Sono tutte cavolate! Poi, e qua parlo a chi la saga di Zagor la conosce bene: cosa c'è di ingenuo in storie come "Zagor Racconta", "Oceano", "Libertà o Morte"? NULLA. Sono CAPOLAVORI. E i soliti ingenui (loro sì che lo sono) non ti sanno mica rispondere, non ti sanno mica spiegare perché quelle sceneggiature debbano essere definite ingenue. Davanti a certi classici bisogna levarsi il cappello e dire: grazie. Non è tutto "ingenuo" dunque. Intendiamoci però: negli anni Cinquanta sono usciti miriadi di fumetti insulsi, ridicoli, scritti e disegnati male, ma che c'entra l'ingenuità? E come se si volesse dire che tutti i ragazzi dell'epoca erano una manica di coglioni. Ma non è così. Boselli in un'intervista disse che Il Grande Blek era volutamente infantile. Per me che amo la Essegesse credo che sia giustissimo come ragionamento (che non minimizza quegli autori fantastici, anzi) perché infantile circoscrive correttamente il pubblico e verso chi erano rivolte quel tipo di avventure. MA NON ERANO INGENUE, cavolo. Basketball

Il "problema" forse è che verso il fumetto del dopoguerra (da Miki in poi) c'è molto pregiudizio, anzi, c'è proprio una specie di luogo comune che si è diffuso e che, come un herpes, è difficile da debellare. E' un discorso molto lungo. E complicato, purtroppo.

P.s. spero che sti soloni tra qualche anno non mi diranno che anche Ken Parker era "ingenuo". Rolling Eyes
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 17, 2016 2:36 pm

Ulzana ha scritto:
Civitelli da quel che vedo ha fatto un ottimo lavoro, il punto è che Galep resta insuperabile nella sua capacità di rendere immediata la percezione del mistero e del fantastico, il lato più "dark" delle storie con Yama e Mefisto. Inimitabile per chiunque.

Si, Civitelli su quelle tavole si è fatto un bel mazzo, si vede benissimo. Ma anche Mastantuono, sull'ultima sua storia ricordo un lavoro incredibile. però Mastantuono su Tex non mi prende a prescindere - è solo gusto personale- mentre Civitelli non mi convince su questa storia poiché quella roba tipo Yama/Mefisto secondo me non ha bisogno di "effetti speciali" come il disegnatore ci ha abituati a vedere nelle comuni sceneggiature western. Non disprezzo, ma mi aspettavo più resa nelle prime 40 pagine (il mazzo non si discute Wink ).
Sarà che sono legato al tratto horror dei maestri di Creepy, ma io ho sempre pensato che il genere Yama/Mefisto vada lavorato al tratto... una tecnica che a me piglia di più.
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 17, 2016 2:52 pm

Ulzana ha scritto:

Piccola (non tanto piccola credo) digressione: in rete m'imbatto in chi sostiene ancora che le avventure di Zagor siano "ingenue", mi riferisco a quelle degli anni Sessanta-Settanta del mitico Nolitta. Ora io chiedo: ma quando la si finirà con questa storia? Cosa significa "ingenuo"? Meno moderno? Meno avvincente? Meno accattivante? Sono tutte cavolate! Poi, e qua parlo a chi la saga di Zagor la conosce bene: cosa c'è di ingenuo in storie come "Zagor Racconta", "Oceano", "Libertà o Morte"? NULLA. Sono CAPOLAVORI. E i soliti ingenui (loro sì che lo sono) non ti sanno mica rispondere, non ti sanno mica spiegare perché quelle sceneggiature debbano essere definite ingenue. Davanti a certi classici bisogna levarsi il cappello e dire: grazie. Non è tutto "ingenuo" dunque. Intendiamoci però: negli anni Cinquanta sono usciti miriadi di fumetti insulsi, ridicoli, scritti e disegnati male, ma che c'entra l'ingenuità? E come se si volesse dire che tutti i ragazzi dell'epoca erano una manica di coglioni. Ma non è così. Boselli in un'intervista disse che Il Grande Blek era volutamente infantile. Per me che amo la Essegesse credo che sia giustissimo come ragionamento (che non minimizza quegli autori fantastici, anzi) perché infantile circoscrive correttamente il pubblico e verso chi erano rivolte quel tipo di avventure. MA NON ERANO INGENUE, cavolo. Basketball

Il "problema" forse è che verso il fumetto del dopoguerra (da Miki in poi) c'è molto pregiudizio, anzi, c'è proprio una specie di luogo comune che si è diffuso e che, come un herpes, è difficile da debellare. E' un discorso molto lungo. E complicato, purtroppo.

P.s. spero che sti soloni tra qualche anno non mi diranno che anche Ken Parker era "ingenuo". Rolling Eyes

l’innocenza di un racconto a fumetti degli anni '60 '70 si scontra spesso con gli istinti più bassi del lettore moderno. Quelli del forum che frequenti vorrebbero vedere Flok di Frank Miller e Pat O'Shane più o meno così
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 17, 2016 6:38 pm

Interessante la tipa Laughing

Beh so che questo mio discorso è una battaglia ai mulini al vento... giorni fa mi sono riletto per l'ennesima volta Gli uomini Lince, storia del Grande Blek. C'è tutto: avventura, mistero, ironia, divertimento (perfino una citazione a Charlot!), paesaggi fantastici, nemici tosti, disegni strepitosi e anche un pizzico di inquietudine se questa storia la si legge verso gli otto-dieci anni. Ma che si vuole di più da un fumetto? Eppure ti diranno che ANCHE quella storia e quel fumetto è ingenuo.

Io non ci ho trovato nulla di ingenuo, ti dirò, ma forse l'ingenuo sono io... scratch


Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Ven Nov 18, 2016 1:55 pm

Usa la filosofia dello "ma-sti-cazzi", aiuta a vivere più a lungo.

Sto proprio andando a trovare un po' di amici in una fumetteria dove mi dicono esserci anche dei moderni benpensanti (della serie: ma chi è 'sto Raymond?). Credi che abbia del tempo da perdere?
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Nov 21, 2016 12:58 pm

Indubbiamente meglio lasciarli nel loro brodo e, infatti, io non rispondo più a certe persone però se capita dico la mia.
Il tempo è prezioso ma non conoscere e apprezzare Raymond è come seguire il calcio è non sapere chi sia stato Maradona...
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Nov 21, 2016 6:19 pm

te ne dico solo una (recente): "scusate, ma da quale storia è tratta questa vignetta?" era la vignetta di Tex e Lilith da "Il Giuramento".

In generale il livello, parlando del Tex di FB ad esempio, è talmente basso da far cadere le braccia. Io comunque la butto sempre lì, poi chi vuol raccogliere raccolga (chiaramente mi sto riferendo ai rudimenti base... tipo il nome del cane di Tex o del cavallo di Kit Willer Laughing ), per cose più complicate preferisco tacere: oggi la gente si offende facilmente se la correggi.
C'è uno che scrive libri cronologici sul collezionismo pieni di cazzate, eppure seguitissimo dalle folle. Ha pure il coraggio di dire che le sue guide sono le uniche da acquistare lol!

Ma il mondo è fatto così: pieno di mediocri che valgono 2 e si vendono per 100 con un po' di furbo marketing. Ricorda che il Berlusca ci ha vinto le elezioni in questo modo... col marketing Rolling Eyes , e qualcuno ha appreso la lezione. Mai stato in quei posti dove vedi tutti 'sti scemi con la scritta "STAFF" sulla maglietta che ti fanno credere che sei in un pub o ad un evento superprofessionale e poi ti propinano cacca a go-go?
Oggi, ad esempio, sono stato all'Apple Store di Roma per risolvere un problema al Computer che ho ormai da due anni e lo "Staff" ancora una volta mi ha risolto una bella ceppa di niente. Tutta fuffa e niente sostanza. E le agenzie immobiliari che "generano" questi ragazzotti in giacca e cravatta formattandogli il cervello? e le slide renziane? e la pubblicità? e le compagnie telefoniche?
Sarò pure un texiano tradizionalista e ingenuo, ma chi alimenta 'sta roba non sono certo io. Tex mi ha insegnato a stare alla larga da gruppi etichettati e modaioli

Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Nov 22, 2016 9:53 am

Ci sono molti lettori che su Facebook s'improvvisono esperti e vengono seguiti, certo. E' sempre così. Gli incapaci che diventano "capaci" per la moltitudine... vecchio discorso. Ma in rete le sparano. Come ti dissi di quel tizio che definì tutte le storie di Zagor ingenue (arghhhh!!!). Mica mi ha risposto quando gli ho chiesto: "Ma le hai lette TUTTE?" Silenzio. Sound of silence, come faceva quella canzone... Rolling Eyes

In questi giorni sto leggendo Kinowa e ti dirò... ci sono alcuni aspetti interessanti inerenti al personaggio di Lavezzolo che andrebbero analizzati meglio. Sotto certi aspetti è stato un fumetto atipico e in parte rivoluzionario se si pensa al periodo in cui è uscito. Poi Kinowa consacrò la Essegesse. E a proposito del mitico trio: le primissime serie di Capitan Miki (secondo me) a livello di disegno sono tra le cose migliori pubblicate nel Dopoguerra, e i testi non erano affatto ingenui!!! Anzi. Fanciulleschi, ecco, usiamo i termini giusti. Alle volte mi chiedo quanti lettori hanno letto la storia di Miki contro il Generale Ruiz? E quella nel regno dei Vichinghi? Nel regno dei Vichinghi (o la valle del passato) è un omaggio dichiarato ad Hal Foster e Valiant! Straordinario. Disegni davvero straordinari, difficile non restarne ammirati... ma io sono di parte. Laughing


Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Nov 22, 2016 11:28 am

Aho e che te devo dì? allora viva i fanciulleschi Prince Valiant, Terry e i Pirati e quel cazzone di Gordon che se la menava col fisicaccio su mondi surreali pieni di belle donne.
La prossima volta che giri in una fiera del fumetto appiccicati un cartello dietro la schiena con su scritto "leggo Tex, Blek e Zagor... si prega di non rompere i coglioni!!"

Sarà anche interessante sapere che il calci delle colt venivano fatti con impasti di ossa umane, ma per quello ci sono letture apposite. Ma tanto ormai l'associazione è: tradizionalista=rimbambito
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
azteco70
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 446
Data d'iscrizione : 20.05.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 24, 2016 8:40 am

mister-no ha scritto:
complimenti a boselli e civitelli, a cui non ho alcun appunto da fare, per questo primo albo.

scommetto che il proseguo sarà sensazionale dato che questo albo preparatorio ha molta carne al fuoco e trame intricate da risolvere. Vredemo se le profezie si avvereranno, tutto può accadere anche se finora tutto è mistero!!!!!
Forse la cosa più bella della storia sarà quella di imbattersi in qualcosa di inaspettato, la capacità di Boselli di stravolgere le aspettative del lettore sono una sua prerogativa.

Scommetti che il proseguo sarà sensazionale.

Un accidente!!!ma perché questo albo non fa parte della stessa storia!!?!??
Forse intendevi albo di suspense, non preparatorio. io l'ho visto come albo eccessivamente ampliato, se permetti
Tornare in alto Andare in basso
il totem misterioso
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 308
Data d'iscrizione : 16.07.11
Località : texas

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Gio Nov 24, 2016 5:24 pm

Color Tex a lettura ultimata! sono breve come le 5 storie:
Copertina orrida salvata dalla colorazione e interni deludenti se si esclude la storia di Rauch e in misura minore quella di Boselli. Per i disegni, Venturi non mi piace per niente ma perché sceglierlo per un Tex? una sua storia non vorrei più guardarla e poi Laurenti che secondo me va troppo oltre il concetto texiano. Gli altri bene o molto bene, a parte le difficoltà di qualcuno con i volti.
Colori ni, siamo sempre al punto di domanda..possibile che la potentissima sbe non riesca a fare di meglio?
Tutto sommato direi sotto la sufficienza generale pale
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Ven Nov 25, 2016 12:58 pm

uhm... non è piaciuto troppo neanche a me.

Salverei Rauch anche se un flash back in un flash back mi pare tolgano tensione alla storia e i dialoghi non sempre mi sembrano all'altezza.
Poi quella di Boselli che invece si legge bene, è frizzante, e nel totale delle cinque è quella che rimane più impressa.  
Le altre non mi sono piaciute un granché, lodevoli per impegno ma risultati che secondo me non raggiungono la sufficienza.
Per i disegni, Venturi e il suo Tex "incazzato" non sono proprio il mio genere  What a Face , Laurenti trovo faccia fatica con Tex, cavalli e ambientazione western in generale. Dotti bravissimo, Bocci bene ma con qualche difficoltà sulle figure, Rubini abbastanza bene.
Colori meglio di altre volte.
Forse troppe 5 storie in un unico albo? Boh, a me pare di si.

Copertina: non ci siamo, con quel Tex tronchetto e, come al solito, ingrugnito. Tra Frank e Venturi, mi sono anche stufato di commentare un personaggio che tutto è stato meno che torvo. Cioè, basta con questi segni della bocca all'in giù, davvero non se ne può più  Sleep
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
borden2
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi


Messaggi : 93
Data d'iscrizione : 22.01.14

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Ven Nov 25, 2016 9:33 pm

Admin ha scritto:
uhm... non è piaciuto troppo neanche a me.

Salverei Rauch anche se un flash back in un flash back mi pare tolgano tensione alla storia e i dialoghi non sempre mi sembrano all'altezza.
Poi quella di Boselli che invece si legge bene, è frizzante, e nel totale delle cinque è quella che rimane più impressa.  
Le altre non mi sono piaciute un granché, lodevoli per impegno ma risultati che secondo me non raggiungono la sufficienza.
Per i disegni, Venturi e il suo Tex "incazzato" non sono proprio il mio genere  What a Face , Laurenti trovo faccia fatica con Tex, cavalli e ambientazione western in generale. Dotti bravissimo, Bocci bene ma con qualche difficoltà sulle figure, Rubini abbastanza bene.
Colori meglio di altre volte.
Forse troppe 5 storie in un unico albo? Boh, a me pare di si.

Copertina: non ci siamo, con quel Tex tronchetto e, come al solito, ingrugnito. Tra Frank e Venturi, mi sono anche stufato di commentare un personaggio che tutto è stato meno che torvo. Cioè, basta con questi segni della bocca all'in giù, davvero non se ne può più  Sleep

Andiamo! Non mi sembra più ingrugnito del Tex di Villa nella cover de Il colonnello Mano Cattiva...

Questa di Frank è la migliore delle quattro.

Ma l'anno prossimo esigo un disegnatore della serie o do le dimissioni!



Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Sab Nov 26, 2016 10:40 am

ehi ehi, non scherziamo, niente proclami di dimissioni altrimenti mi si scaldano alcuni utenti di altri forum: già me li vedo con le bandiere al vento.

Piuttosto, è regalata dire che la Frank è la migliore dopo l'obbrobrio di Libertore e la scialba di De Vita. Dai, quella della Zuccheri, che si ha un Tex un po' "sfigato" nell'espressione, non è 'accio. Ma sono d'accordo con te sul fatto di rivendicare un disegnatore della serie: comincerei con Dotti, ad esempio.
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Ulzana
comunque prevenuto
comunque prevenuto
avatar

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 27.07.13

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Sab Nov 26, 2016 11:43 am

Che poi questi artisti stranieri credo si prendano pure una barca soldi e invece abbiamo in casa tanti bravi disegnatori... perché non una cover di Ticci? Pure Dotti, certo, ma io proporrei un Biglia o un Vannini che sono sicuro farebbero un ottimo lavoro.
Tornare in alto Andare in basso
borden2
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi


Messaggi : 93
Data d'iscrizione : 22.01.14

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Dom Nov 27, 2016 10:24 am

C'è solo l'imbarazzo della scelta.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 22.04.11
Località : FIUMICINO

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Ven Dic 02, 2016 10:09 am

si parte per Reggio... una fiera ormai "malata" e non più in grado di suscitare le emozioni di un tempo. Poca partecipazione e scarse iniziative Neutral
L'antiquariato è quasi morto a Reggio, culla per i collezionisti assieme a Bologna. Molti banchisti sono spariti e assieme a loro tanti appassionati della vecchia carta.
Non è entusiasmante, almeno per me, vedere le file per una firma o una dedica, ma tant'è. Si parla di centinaia di migliaia di persone a Lucca e Romics (tra l'altro in quest'ultima non vedo mai uno stand della SBE... e si dice che nelle quattro giornate passino circa 200mila persone Shocked )
Vabbè, prendiamone atto e vediamo se ci riesce di organizzare qualcosa per questi grandi eventi mettendoci la faccia.
Nell'ultima edizione hanno organizzato una personale su Averardo Ciriello con la partecipazione del ministro della cultura Franceschini. Ciò significa che gli spazi ci sono. Diciamo che bisogna far lavorare le menti e mettere dentro le idee, magari tornando ancora più dietro: Phantom, Mandrake, Gordon così come per Diabolik e Dylan Dog. Vediamo vediamo Rolling Eyes
Tornare in alto Andare in basso
http://texwiller.forumattivo.it
Condor2000
sempre in malafede
sempre in malafede


Messaggi : 188
Data d'iscrizione : 06.05.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Lun Dic 05, 2016 5:39 pm

Torno a scrivere dopo un bel po' di tempo per evidenziare che, se non si hanno in casa i volumi I e II di "Western all'italiana", non si può aspirare ad essere definiti texiani veri.......Mad

Il mastodontico ed appassionato lavoro degli Autori merita davvero. Non é un messaggio promozionale finalizzato all'acquisto, ma un invito all'arricchimento culturale: sì, il fumetto é cultura, e in quest'opera c'é la storia del fumetto (italiano e non) rivisitata da un angolo visuale assolutamente originale, anche incredibile se si pensa che, ad ormai 70 anni quasi dall'uscita in edicola del primo "Tex", si era pensato che tutte le fonti argomentative e gli spunti sul ranger si fossero, oramai, inevitabilmente esauriti.

Inoltre, l'opera e la statura del maestro Galep sono state nobilitate e valorizzate (tutt'altro che sminuite, come si potrebbe pensare parlando in modo acritico di swiping).

Vecchie mummie texiane, procuratevi i due volumi al più presto..........altrimenti, che l'inferno vi inghiotta! Twisted Evil
Tornare in alto Andare in basso
Lehane
pieno di pregiudizi
pieno di pregiudizi


Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 07.06.11

MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   Mar Dic 06, 2016 9:23 am

bravo pard Condor. Il fumetto è cultura Wink

Io sono tra quelli che possiede i due volumi, leggerli e rileggerli mi ha riempito alcuni vuoti, anzi meglio dire un vuoto, che non immaginavo di avere.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: MESCALERO   

Tornare in alto Andare in basso
 
MESCALERO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 13Vai alla pagina : 1, 2, 3 ... 11, 12, 13  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il Mescalero senza volto e altre storie (Color Tex n. 10)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Riserva Indiana-
Andare verso: